Festival Parole Ubikate in Mare

DAL 24/06/2023 AL 26/08/2023

Inizia la rassegna letteraria estiva della Liguria: 18 serate con 22 autori tra i più importanti del mondo della cultura e del giornalismo in Italia.

Gli incontri si svolgeranno dal 24 giugno al 26 agosto in Piazza della Concordia ad Albissola Marina e in Piazza Sisto IV a Savona, con inizio sempre alle ore 21,15. Ingresso gratuito (in caso di pioggia incontri al coperto in luoghi adiacenti). Il festival è organizzato dalla libreria Ubik, dal Comune di Albissola Marina e dal Comune di Savona, con il sostegno di BPER Banca sponsor ufficiale della manifestazione.

Quest’anno la rassegna è dedicata a Italo Calvino, nel centenario della nascita, e terminerà proprio con un incontro su Calvino con l’attrice Lella Costa e lo scrittore Marino Magliani dal titolo “Il mare in un bicchiere”.

Moltissimi gli autori che presenteranno libri su vari temi sociali e ambientali: il critico d’arte Tomaso Montanari presenterà il libro sul patrimonio culturale italiano, il metereologo Luca Mercalli descriverà la scelta di andare a vivere in montagna per sfuggire al riscaldamento globale, il fondatore di Slow Food Carlo Petrini presenterà il libro sulla transizione ecologica, l’ex direttore di Corriere della Sera e Sole 24 Ore Ferruccio de Bortoli parlerà delle “Prospettive per il paese Italia”, il più seguito inviato di guerra Nello Scavo -appena di ritorno da Kiev- ci racconterà la guerra in Ucraina, il fondatore del Gruppo Abele e di Libera Don Luigi Ciotti insieme e al sociologo Marco Revelli ricorderanno don Gallo nel decennale della scomparsa, lo psicoanalista Massimo Recalcati con il suo nuovo saggio descriverà la psicoanalisi del mondo contemporaneo, la scrittrice Lidia Ravera parlerà dei pregiudizi sull’età, il monaco fondatore della Comunità di Bose Enzo Bianchipresenterà il saggio “Cosa c’è di là”, la Direttrice dei quotidiani La Nazione, Il Resto del Carlino e Il Giorno Agnese Pini presenterà il suo nuovo libro sull’eccidio nazifascista che colpì la sua famiglia.

Tra gli autori di romanzi, presentazione dei nuovi libri di Antonio Manzini(attualmente primo in classifica con il nuovo noir di Rocco Schiavone), Dario Vergassola, Maurizio De Giovanni, Walter Veltroni, Matteo Bussola (autore del romanzo più venduto del 2022) e Fabio Genovesi, oltre che il libro della attrice e conduttrice televisiva Daniela Poggi presentato insieme all’altra attrice savonese di successo Giorgia Wurth.

Ecco il programma

Sabato 24 giugno ore 21,15

Piazza della Concordia – Albissola Marina:

Ferruccio de Bortoli

Prospettive per il paese Italia

Come si risolverà il conflitto ucraino? Come (e se) useremo i fondi PNRR? Che valutazione dare del primo governo di destra del paese? Dalla pandemia “ne siamo usciti migliori” come speravamo? Come leggere dati recenti come l’incremento dell’occupazione o il decremento dell’industria?

Ferruccio de Bortoli, ex direttore del “Corriere della Sera” e del “Sole 24 Ore” e punto di riferimento assoluto nel giornalismo internazionale, risponderà a queste e altre domande, partendo dai costi della deriva populista dell’ultimo decennio ma mettendo anche in luce le colpe e le ambiguità delle élite, della classe dirigente, dei media. Eppure il Paese è migliore dell’immagine che proietta: ha un grande capitale sociale, un volontariato diffuso, tantissime eccellenze. Questo incontro è anche un viaggio nelle virtù, spesso nascoste, dell’Italia, perché una riscossa è possibile, ma dipende dai comportamenti di ognuno di noi: maggior senso della legalità, più rispetto dei beni comuni, più cultura scientifica, più spazio ai giovani, in una società troppo vecchia e ripiegata su sé stessa.

Sabato 1 luglio ore 21,15

Piazza della Concordia – Albissola Marina:

Antonio Manzini
ELP

Nuovo avvincente romanzo noir per il grande scrittore, attore e sceneggiatore romano Manzini avente per protagonista il vicequestore Rocco Schiavone (in testa nelle classifiche di vendita in Italia), serie di romanzi dalla quale è anche stata tratta la serie tv Rai di successo.

Una signora picchiata dal marito non si trattiene, e «come una belva sfoga la sua rabbia incontenibile»: «un buon suggerimento» per comportamenti futuri. Solo che lo stesso uomo l’indomani viene trovato ucciso con un colpo di pistola alla fronte. Uno strano assassinio, su cui Schiavone deve aprire un’inchiesta da subito contorta da fatti personali (comici e tragici). Nel caso è implicata una società che sembra una pura copertura.

In quei giorni peraltro non si fa che parlare dell’ELP, l’Esercito di Liberazione del Pianeta. Schiavone guarda con simpatia mista al solito scetticismo ai gesti clamorosi di questi disobbedienti che liberano eserciti di animali d’allevamento in autostrada…

Martedì 4 luglio ore 21,15

Piazza Sisto IV – Savona:
Nello Scavo

Kiev

Nello Scavo, il giornalista de “L’Avvenire” tra i più esperti e premiati corrispondenti di guerra italiani (che negli anni, ha indagato anche sulla criminalità organizzata e sul terrorismo globale) raggiunge la capitale ucraina a metà febbraio 2022, quando la minaccia di un attacco russo si fa sempre più insistente, ma ancora in pochi credono possibile un’invasione militare da parte di Vladimir Putin. Da quel momento, registra senza censure il rapido tracollo di una situazione che si fa sempre più tragica: le esplosioni, le colonne di carrarmati, il disperato esodo dalle città.

Allo stesso tempo non dimentica la dimensione umana del dramma in corso, raccogliendo le testimonianze dirette di chi da un momento all’altro ha dovuto abbandonare la casa, ha perso la famiglia, ha scelto di imbracciare un fucile. “Kiev” è il diario personale di un conflitto nel cuore dell’Europa, scritto sul campo da un giornalista chiaro nello spiegare le ragioni di quanti la guerra la decidono, ma soprattutto capace di dare voce a coloro che questa tragedia sono costretti a subirla.

Lunedì 10 luglio ore 21,15

Piazza della Concordia – Albissola Marina:

Lidia Ravera

Age Pride

Per liberarci dai pregiudizi sull’età

Un terzo della popolazione italiana è composta da ultrasessantenni, hanno davanti decenni di vita ancora da vivere, non è mai successo prima. È una conquista o una condanna? Perché sia una conquista (un privilegio, una festa), bisogna liberarsi degli stereotipi. Il libro è un manifesto contro lo stigma che colpisce chi non è più giovane, ma soprattutto è l’invito a una festa possibile: quella dell’orgoglio d’aver vissuto, della voglia di continuare il viaggio della vita, considerando ogni età un paese straniero, da attraversare con la curiosità che merita, non la tappa di una via crucis, da accettare, rassegnati.

Lidia Ravera (scrittrice di decine di sceneggiature, film, articoli, documentari, ma soprattutto libri, tra cui il celebre romanzo “Porci con le ali” scritto insieme a Marco Lombardo Radice e che ha venduto milioni di copie), attraverso il racconto del proprio conflittuale rapporto con l’età che avanza, rivendica la maestosa allegria celata nella maturità e spiega come il tempo, da nemico che striscia alle tue spalle aspettando una resa incondizionata, possa trasformarsi in un alleato che ti consente una libertà imprevista e una vera rivoluzione interiore.

Giovedì 13 luglio ore 21,15

Piazza della Concordia – Albissola Marina:
Walter Veltroni

Buonvino tra amore e morte

Walter Veltroni (scrittore, regista, noto anche per la sua precedente attività politica come Vicepresidente del Consiglio, Ministro per i beni culturali, Segretario del PD, fondatore con Prodi dell’Ulivo, ma anche come giornalista e Direttore dell’Unità) scrive il quarto capitolo della fortunata serie noir del commissario Buonvino e degli scombinati “magnifici sette al contrario” del commissariato di Villa Borghese.

Dopo l’attentato subito dalla moglie proprio nel giorno del matrimonio, il commissario Buonvino, straziato dal dolore, indaga insieme ai suoi uomini per capire se, colpendo Veronica, gli ignoti criminali hanno voluto mandare un segnale a lui o se invece nella vita di sua moglie si nasconde qualcosa che giustifichi una vendetta tanto efferata. Intanto, a piazza di Siena viene ritrovato il corpo di un uomo crivellato da proiettili sparati da diversi fucili: scavando nel passato della vittima, Buonvino risalirà fino al clima torbido e avvelenato dagli intrighi della Roma del 1944.

Sabato 15 luglio ore 21,15

Piazza Sisto IV – Savona:

Luca Mercalli
Salire in montagna

Prendere quota per sfuggire al riscaldamento globale

Luca Mercalli (climatologo e divulgatore scientifico, Presidente della Società Meteorologica Italiana Onlus, autore di numerosi articoli scientifici su riviste internazionali oltre che su La Stampa, la Repubblica e altri giornali, per anni ospite fisso a “Che tempo che fa” su Rai 3 e conduttore di “Trame” su Radio Due) affronta il tema del riscaldamento climatico attraverso una narrazione in prima persona che racconta la propria esperienza del «salire in montagna»: il tentativo di persuadere della necessità di un cambiamento della nostra esistenza, attraverso una vicenda esemplare.

La montagna è una delle vie da percorrere per sfuggire al surriscaldamento globale. Insieme alle tecnologie sostenibili, all’efficienza energetica e a una vita più contemplativa e meno competitiva. Perché investire denaro ed energie nella ristrutturazione di una vecchia e scomoda baita nel cuore delle Alpi Cozie? Le montagne, con la loro frescura, sono a due passi e offrono nuove possibilità di essere riabitate; e ciò attraverso il recupero di borgate abbandonate con tecniche di bioedilizia rispettose del paesaggio ma all’altezza delle necessità di agio e di connettività per poterci vivere e lavorare.

Mercoledì 19 luglio ore 21,15

Piazza Sisto IV – Savona:
Daniela Poggi

Ricordami!

Le prime ore della sera. Una stanza. Un letto sul quale è distesa una donna che, per anni, giorno dopo giorno, è scivolata nell’oblio dell’Alzheimer. Una poltrona dove siede la figlia, conscia che quella sarà la notte che libererà la madre dalla prigionia del corpo. La protagonista si mette a nudo senza timore del giudizio o della critica, in un flusso di parole che compongono un soliloquio. Daniela Poggi (attrice di numerosi film, conduttrice di diversi programmi televisivi tra cui “Chi l’ha visto?”, ma anche attrice di teatro già nel 1978 con Walter Chiari, con cui peraltro ha avuto anche un legame affettivo) si svela nella malinconia della maternità mancata, nel senso di abbandono provato in collegio, nella ricerca della felicità, sempre in fuga da se stessa e dagli altri, attraverso viaggi, vissuti in gioventù, a volte al limite dell’incoscienza. E di fronte all’asprezza del morbo della madre, della morte prematura del padre e della perdita dei figli, l’autrice mantiene una profonda consapevolezza delle scelte compiute come emblema del suo innato spirito libero.

Venerdì 21 luglio ore 21,15

Piazza della Concordia – Albissola Marina:
Tomaso Montanari

Se amore guarda

Un’educazione sentimentale al patrimonio culturale

Il patrimonio culturale – le chiese, le grandi opere, gli umili selciati – può trovare un senso solo se ci permette di liberarci dalla dittatura del presente. Se ci restituisce l’amore necessario a coltivare ciò che in noi è ancora umano.

Come scrive nelle pagine di questo saggio lucido e appassionato Tomaso Montanari (storico dell’arte, saggista e docente universitario, autore di numerosi libri) il patrimonio culturale è la nostra religione civile, la nostra scuola di liberazione: non riguarda soltanto il paesaggio o le opere d’arte, ma riguarda soprattutto noi e quell’amore che tutto congiunge. Ogni sguardo posato in una chiesa antica, ogni piede che calpesta un selciato, comporta domande, risposte, interpretazioni. Così, passo dopo passo, lentamente, riattribuiamo significato alle cose e ai luoghi fino a sentirli parte, quasi estensioni, dei nostri corpi: perché solo quelli danno senso alle pietre e ai quadri. E perché soltanto così il discorso sul patrimonio culturale potrà aiutarci a recuperare le ragioni di una convivenza universale, fondata sulla giustizia e sulla condivisione.

Domenica 23 luglio ore 21,15

Piazza Sisto IV – Savona:
Agnese Pini

Un autunno d’agosto

L’eccidio nazifascista che ha colpito la mia famiglia

Estate 1944. Lungo la Linea gotica si consuma la parte più feroce della guerra in Italia, una serie di eccidi orribili per mano dei nazifascisti. A San Terenzo Monti, paese di poche centinaia di abitanti tra Liguria, Emilia e Toscana, vengono uccise senza pietà 159 persone, in prevalenza donne e bambini, l’esecuzione accompagnata dal suono di un organetto. Attraverso la storia della sua famiglia, con una scrittura intensa, viva e piena di grazia, Agnese Pini (giornalista Direttrice dei quotidiani La Nazione, Il Giorno, Il Resto del Carlino e Quotidiano Nazionale) ha scritto un grande romanzo civile, con il respiro universale dell’inchiesta-racconto che parla di noi e del presente. “Una storia così -dice l’autrice- lascia un segno indelebile nelle famiglie che l’hanno subita. L’ho sentita raccontare fin da quando ero piccola: la raccontavano mia nonna, mia madre, mia zia, ma per molto tempo ho pensato che fosse un capitolo ormai chiuso della storia d’Italia e della mia storia personale. Invece ho capito che nel nostro paese non riusciamo a guardare il ventennio fascista con una memoria davvero condivisa”.

Mercoledì 26 luglio ore 21,15

Piazza Sisto IV – Savona:
Carlo Petrini

Il gusto di cambiare

La transizione ecologica come via per la felicità

Che il modello alimentare-economico attuale sia insostenibile per la Terra, ce lo conferma la realtà, tra ingiustizie sociali e cambiamenti climatici. Se la classe politica tentenna di fronte alle virate di sistema che sarebbero necessarie, deve essere la società civile a prendere le redini in mano per dare vita a un nuovo paradigma: quello dei beni comuni, della transizione ecologica, di un coinvolgimento attivo.

In questo libro Carlin Petrini (fondatore di Slow Food, l’organizzazione si occupa della salvaguardia della cultura e delle tradizioni culinarie locali, nonché Ambasciatore Speciale della FAO in Europa) si confronta in modo inedito e stimolante con l’economista e gesuita Gaël Giraud. Ne nasce un libro illuminante e ricco di proposte concrete per dare un futuro al pianeta che abitiamo.

Sabato 29 luglio ore 21,15

Piazza Sisto IV – Savona:

Luigi Ciotti e Marco Revelli

Dimmi chi escludi, ti dirò chi sei

Dieci anni senza don Gallo

Il fondatore del Gruppo Abele e dell’associazione Libera Don Luigi Ciotti, insieme e al sociologo e storico Marco Revelli si incontreranno al Festival con la Comunità San Benedetto al Porto nel decennale della scomparsa di don Andrea Gallo, per ricordare il prete di strada che predicava l’antifascismo, infondeva fiducia ai più fragili, si infiammava di fronte alle ingiustizie e (come cantava l’amico De André) andava in direzione ostinata e contraria.

Partendo dal suo pensiero e dal suo esempio, si cercherà di riflettere e interrogarsi sullo stato dei diritti nel nostro paese, per ritrovare la “responsabilità” dell’essere più cittadini attivi e meno ‘sudditi’. È fondamentale ribadire che senza uguaglianza e giustizia sociale non può esserci libertà e che solidarietà significa, prima di tutto, difesa dei diritti e delle opportunità di tutti. Con le sue parole: “Tutti abbiamo una responsabilità: l’Italia è come una barca che naviga in un mare in tempesta senza bussola. Io ho due bussole: come uomo dotato di una coscienza civile la mia bussola è la Costituzione, come Cristiano la mia bussola è il Vangelo.”

Lunedì 31 luglio ore 21,15

Piazza della Concordia – Albissola Marina:

Dario Vergassola
Storie vere di un mondo immaginario

Cinque racconti delle Cinque terre

Cosa avrebbe da dire un girino che abita uno stagno all’arrogante che cerca in tutti i modi di contaminare l’acqua? E cosa pensano davvero le acciughe sui banconi dei bar liguri di questa tradizione alimentare? Com’è, insomma, la vita in questo mondo alla rovescia in cui gli animali e le sirene delle Cinque Terre parlano, si lamentano dell’uomo, lo sfidano e lo contrastano?

Dario Vergassola (comico, scrittore e cantautore, presente in numerosissimi programmi televisivi come Maurizio Costanzo Show, Carabinieri, Zelig, Dio vede e provvede, Le Iene, Parla con me, ecc) scrive cinque storie di delicata ironia, di struggente tenerezza, comiche e malinconiche al tempo stesso, pungenti di satira sociale e disincantate e lucide, dove a essere protagonisti sono proprio loro, i dimenticati animali e le leggendarie creature del mare: pesci, totani, sirene, acciughe e polpi mettono qui in scena le loro storie d’amore impossibili, le loro tirate ecologiste, la malinconia di essere esclusi, il desiderio di scoprire il mondo lanciandosi in mille spericolate avventure.

Giovedì 3 agosto ore 21,15

Piazza della Concordia – Albissola Marina:

Enzo Bianchi
Cosa c’è di là

Inno alla vita

“Ormai vecchio, guardando al mio passato, mi accorgo che il cammino dell’imparare a morire è stato il cammino dell’imparare a vivere, nella convinzione che ciò che si è vissuto nell’amore resterà per sempre. Solo l’amore innesta l’eternità nella nostra vita mortale. Che senso può avere nel nostro tempo la domanda sull’aldilà? Nell’epoca della morte rimossa o spettacolarizzata in un flusso di immagini che la esibiscono e la dissacrano, quale significato possiamo attribuirle? Su questa terra che tanto amo, ho sempre cercato l’eternità.” Con queste parole Enzo Bianchi (monaco, fondatore e della Comunità di Bose, autori di libri di grande seguito, e collaboratore de La Stampa, Avvenire, La Repubblica, ecc…) instancabile cercatore di senso, apre una meditazione poetica e non dogmatica sulla più ineludibile delle domande per approdare a una risposta centrata sull’amore, sulla sua forza come trama del mondo e delle relazioni con gli altri, e quindi come ragione di speranza anche dopo la vita terrena. Un libro appassionato, carico di fiducia, in cui la morte si apre alla vita.

Martedì 8 agosto ore 21,15

Piazza Sisto IV – Savona:
Maurizio De Giovanni
Sorelle

Una storia di Sara

Una nuova indagine per l’ex agente segreto Sara Morozzi, scaturita dalla penna di De Giovanni (uno degli autori noir italiani più apprezzati e venduti in Italia, autore delle fortunate serie di romanzi con protagonisti il commissario Ricciardi, i bastardi di Pizzofalcone e Mina Settembre, dalle quali sono state tratte serie televisive Rai di grande successo).

Teresa Pandolfi ha esagerato: questo pensa chi l’ha rapita. La sfacciata, attraente bionda a capo dell’Unità segreta dei Servizi deve essere fatta fuori. Per Sara è più di un’amica, o una collega: è come una sorella. Quindi dal giorno in cui non le risponde a un messaggio, ha capito: Teresa è in pericolo di vita. Così comincia una forsennata corsa contro il tempo. Sara dovrà scavare dentro tutto ciò che sa di lei, tornare alle indagini di ieri, collegarle a quelle di oggi. Ma dovrà soprattutto schiudere lo scrigno dei ricordi, anche i più minuti, all’apparenza insignificanti, che ognuno di noi cela a propria insaputa in fondo al cuore.

Giovedì 10 agosto ore 21,15

Piazza della Concordia – Albissola Marina:
Matteo Bussola

Un buon posto in cui fermarsi

Dopo il formidabile successo de “Il rosmarino non capisce l’inverno”, sette mesi in classifica con 150.000 copie vendute e romanzo più venduto del 2022, ecco il nuovo romanzo di Matteo Bussola.

In pochi hanno saputo raccontare la fragilità maschile senza stereotipi o vergogna. Bussola ha il coraggio di farlo con la stessa schiettezza e umanità con cui, nel suo ultimo libro, ha messo in scena donne che resistevano al dolore. Un padre in neuropsichiatria con il figlio adolescente scopre che essere genitore è accogliere la ferita di chi hai messo al mondo; un ragazzo si incide con un taglierino poesie sulla pelle perché è il solo modo in cui sente di esercitare un controllo; un anziano si prende cura della moglie malata di Alzheimer chiedendosi cosa resti dell’amore; un marito tradisce la moglie anche se la ama perché teme la «modestia della felicità»…

Maschi di ogni età, incrinati, abbattuti, che proprio nell’assecondare il fallimento trovano un senso nuovo, più autentico. Uomini che depongono le armi e finalmente si consegnano a una vita nuova.

Martedì 15 agosto ore 21,15

Piazza Sisto IV – Savona:
Fabio Genovesi

Oro puro

Palos, Spagna, agosto 1492. Nuno ha sedici anni, ed è soprannominato il granchio, perché pur vivendo sul mare non ha mai desiderato solcarlo, proprio come i granchi. Finché deve imbarcarsi su una nave di cui ignora la destinazione. Si tratta della Santa María, a bordo della quale Cristoforo Colombo scoprirà il Nuovo Mondo. Avendo imparato dalla madre a leggere e scrivere, Nuno diventa lo scrivano di Colombo, e trascorrendo ore ad ascoltarlo sente crescere l’entusiasmo per i grandi sogni di questo imprevedibile esploratore visionario. Attraverso lo sguardo di Nuno, percorriamo il viaggio più importante della storia dell’umanità: i giorni infiniti prima di avvistare terra, fino alla scoperta di un mondo nuovo, una nuova, diversa possibilità di intendere la vita.

In questo romanzo, Fabio Genovesi (scrittore amatissimo, autore di vari romanzi tradotti in molti paesi europei) ci cala dentro una grande avventura umana, esistenziale e sentimentale, che si snoda attraverso imprese, amori, ma anche crudeltà spaventose e soprusi, rimarcando l’insopprimibile ed eterno istinto degli uomini a prendere, consumare e distruggere tutto, persino se stessi.

Venerdì 25 agosto ore 21,15

Piazza della Concordia – Albissola Marina:
Massimo Recalcati

A pugni chiusi

Psicoanalisi del mondo contemporaneo

In questo libro Massimo Recalcati (tra i più noti psicoanalisti in Italia, Direttore dell’IRPA Istituto di ricerca di psicoanalisi applicata, già docente nelle Università di Milano, Padova, Urbino, Pavia, Verona, Losanna, collaboratore de la Repubblica e Il Manifesto e autore di numerosissimi saggi di successo) si rivela commentatore lucido e originale della nostra vita collettiva degli ultimi vent’anni: le trasformazioni della famiglia, il disagio della giovinezza, il declino irreversibile dell’autorità paterna, il ricorso diffuso alla violenza, lo scientismo come nuova forma di religione, il culto ipermoderno del corpo in salute e del benessere, la medicalizzazione della vita, lo schermo narcisistico dei social, l’isolamento e la spinta melanconica alla morte in un mondo dominato dal consumo e dalla celebrazione dell’immagine, la crisi economica e la precarietà del lavoro, il trauma della pandemia e della guerra: in queste pagine Recalcati offre al lettore un appassionato ritratto antropologico del nostro Paese e dei problemi del mondo contemporaneo riletti alla luce della psicoanalisi.

Sabato 26 agosto ore 21,15

Piazza della Concordia – Albissola Marina:

Lella Costa e Marino Magliani

Il mare in un bicchiere

Cent’anni con Calvino

“La poesia è l’arte di far entrare il mare in un bicchiere.” Cento anni fa nasceva lo scrittore Italo Calvino, autore prolifico e multiforme, resistente a ogni classificazione di genere o di corrente letteraria. Dalle sue opere emerge il suo impegno politico, ma anche l’evoluzione verso una narrativa fantastica e sempre più sperimentale, frutto delle riflessioni sugli eventi storici, dei viaggi, dei variegati incontri fatti nella sua vita. Calvino nel suo percorso letterario è riuscito a rinnovarsi continuamente, spesso con occhi di bambino, e a chiedersi sempre: “Come posso arrivare a dire quello che non sono ancora riuscito a dire?

L’attrice e scrittrice Lella Costa con lo scrittore e traduttore Marino Magliani racconteranno il ‘loro’ Italo Calvino, in un omaggio sentimentale al grande scrittore ligure che è stato uno dei narratori più importanti del secondo Novecento, e un intellettuale di forte impegno politico, civile, culturale.

Informazioni utili

Fascia età

Tutte le età

Prezzi biglietti

Gratuito

Accesso disabili

Si

Località

Savona, piazza Sisto IV - Albissola Mare, Piazza della Concordia

Prenota Ora